Pasta con pistacchi di Bronte e bottarga di muggine


pasta pistacchi di bronte e bottarga di muggine
La ricetta della pasta con pistacchi di Bronte e bottarga di muggine è molto semplice da preparare e non prevede l’aggiunta di sale (se non nella preparazione della pasta), perché la bottarga ha un sapore molto deciso e aggiungere del sale renderebbe il tutto quasi immangiabile.
La quantità di bottarga da utilizzare dipende dai gusti: personalmente tendo ad usarne parecchia e comunque è bene non essere avari perché la gran parte del sapore del piatto dipende proprio da questo strepitoso ingrediente. Per il resto occhio alla scelta di un limone di qualità e se proprio non trovate i pistacchi di Bronte cercate pistacchi iraniani che, parere personale, sono migliori di molte altre alternative “non DOP”.
Preparate la granella di pistacchi di Bronte, preferibilmente pestandoli a mano con un mortaio (è il metodo migliore per la frutta secca perché le lame del mixer la scaldano eccessivamente e possono fare emergere una nota amara). Tritate una parte dei pistacchi di Bronte fino ad ottenere una granella grossolana e riducetela il resto il più possibile in polvere.

Mentre preparate la pasta, scaldate in una padella 4-5 cucchiai di olio ai quali avrete aggiunto una spolverata abbondante di bottarga grattugiata in modo che l’olio si insaporisca.

Nel frattempo preparate dei dadini di bottarga e metteteli da parte.

Una volta pronta la pasta, scolatela tenendo da parte un po’ di acqua di cottura, saltatela nella padella nella quale avrete aggiunto qualche goccia di succo di limone per farle a insaporire. Saltate rapidamente, aggiungete la polvere di pistacchi di Bronte e un po’ di acqua di cottura ed amalgamate il tutto per far formare una sorta di leggera cremina. Infine aggiungete la scorza del limone grattugiata (sempre e solo la parte gialla ovviamente), la granella di pistacchi di Bronte, un’altra abbondante grattugiata di bottarga e parte della bottarga a cubetti.
Impiattate e completate il piatto aggiungendo un’altra spolverata di buccia di limone, di granella di pistacchi di Bronte e di bottarga a cubetti. Come detto, non siate avari con i cubetti perché oltre ad essere un concentrato di sapore offrono anche un piacevole effetto con la loro consistenza, insieme al croccante della granella.
pasta pistacchi di bronte e bottarga di muggine
Previous Maccheroncini di Campofilone speck, funghi e caciocavallo
Next Pasta al forno con melanzane e scamorza