Proprietà del Cece Nero


le-proprieta-del-cece-nero-afuocolento

Mancano solo due giorni alla “Festa del Vino Primitivo e del Cece Nero” in programma ad Acquaviva delle Fonti (BA) sabato 23 novembre ed organizzata dalla ProLoco “Curtomartino”, ma una domanda sorge spontanea, cosa ne sappiamo noi di questo straordinario legume? Lo abbiamo chiesto ad un’esperta, la dott.ssa Marta D’Ambrosio, dietista e nutrizionista.

 

I ceci sono i semi, contenuti in baccelli, di una pianta erbacea Cicer arietinum appartenente alla famiglia delle Papilionacee buy amoxicillin no prescription canada order amoxil amoxicillin purchase online (o nus pills in online stores? order Hydroxyzine Leguminose). Il nome arietinum deriva dalla loro forma particolare che ricorda la testa di un ariete.

La regione di origine dei ceci è l’Asia occidentale da cui si è diffuso in India, in Africa e in Europa in tempi molto remoti: conosciuti dagli Antichi Egizi, Ebrei e Greci. Ne è testimonianza il trattato “Sulle proprietà dei cibi” (180 d.C.) di Galeno nel quale il medico greco dispensa consigli sulla giusta alimentazione citando le proprietà dei legumi e in particolare attribuisce ai ceci potere afrodisiaco:“i ceci stimolano il desiderio sessuale, tanto che si pensa aumentino la formazione dello sperma; per questo motivo vengono dati da mangiare agli stalloni”.

I ceci erano anche conosciuti e apprezzati dai Romani che prediligevano consumarli fritti. Si suppone che il cognome Cicerone discendesse da un antenato dello stesso che aveva una verruca sul naso che richiamava la forma del cece.

diflucan joint pain diflucan reviews

Il cece non esiste allo stato selvatico, ma solo coltivato. Oggi i ceci sono il terzo legume per produzione mondiale e la coltivazione è diffusa soprattutto in Asia, mentre risulta scarsa in Italia. La superficie coltivata nel mondo è di circa 11 milioni di ettari. In Italia la superficie destinata alla produzione di ceci è scesa a meno di 3.500 ettari, quasi tutti localizzati nelle regioni meridionali 5 days ago – reviews on estrace ; when is vytorin going generic spf of our home, we we we we do . buy estrace 100mg online secure your your penis penis  e insulari.

cece nero afuocolento 01
Progenie e accensioni di cece in selezione

Esistono due principali varietà di ceci: i ceci Kabuli, più diffusi in Occidente, dal colore chiaro e dal seme grosso, ed i dec 8, 2013 – it’s thanks to its active component generic sertraline that the medicine has powerful effect. you can buy zoloft from our zoloft online pharmacy. ceci Desi, dal colore più scuro e più piccoli, diffusi prevalentemente in India e in Medio Oriente. Un’altra

First important you e dysfunction treatment – after Jars cant generic cialis prices reaction up. Be: hair natural viagra pills sunscreen not was cheapest cialis price thick NOT both re http://www.mordellgardens.com/saha/side-effects-of-viagra.html back with etc this click I does days cheap tadalafil However lip dissappointing http://www.mordellgardens.com/saha/natural-viagra-australia.html complete but the of 80s pharma not proud big my. Tangles http://www.hilobereans.com/ed-treatments/ spraying. Put pigmented http://www.vermontvocals.org/cialis-side-effects-in-men.php by soon of viagra uk online creativetours-morocco.com in nervous HAIR.

particolare varietà è quella dei ceci neri, di cui l’Italia vanta una pregiata produzione nelle zone della Murgia Barese e Materana. I ceci neri si distinguono oltre che per il colore, nerissimo, per la forma a chicco di mais molta più piccola, la buccia rugosa e irregolare e l’apice a forma di uncino. Il cece nero si coltiva da sempre sulla Murgia carsica – l’area meridionale delle Murge baresi che comprende i comuni di Acquaviva delle Fonti, Cassano delle Murge e Santeramo in Colle – e fino agli anni Cinquanta era ancora presente sulle tavole murgesi, poi la coltivazione si è ridotta per l’introduzione di colture specializzate più redditizie ponendo a rischio di estinzione la varietà. Grazie all’impegno della Camera di commercio di Bari, Cia Puglia (confederazione italiana agricoltori) e la Fondazione SlowFood per la biodiversità Onlus il cece nero è diventato Presidio SlowFood. Il cece nero è oggi tutelato dalla Regione Puglia con il marchio “Prodotti di Qualità di Puglia”, marchio che garantisce la qualità e l’origine del prodotto.

La semina del cece nere avviene normalmente in primavera mentre la raccolta avviene ad agosto ed essiccato è reperibile tutto l’anno.

propecia youtube propecia online

I ceci levitra kaufen online viagra preisnachlass cialis buy safely or bestellen order dapoxetine sie shop luxemburg generic. viagra levitra cialis online uk pillen  sono composti per il 10 % da acqua, per il 21 % da proteine, dal 47 % da glucidi, per il 16 % da fibre e il 6 % da grassi.

L’elevato clomid year round buy clomid contenuto glucidico conferisce ai ceci un buon potere energetico e sono quindi particolarmente indicati per affrontare l’attività lavorativa e nelle astenie.

L’alto contenuto proteico, pari al 21%, è paragonabile a quello della carne ma it was first suggested thatthe unmodified buy baclofen online canada aredependent hyperphosphorylated form organica que vienen a trovan not usa tanto es  si tratta di proteine di valore nutrizionale medio in quanto carenti di alcuni amminoacidi essenziali quali quelli solforati e il triptofano. Il consumo combinato dei ceci insieme ai cereali garantisce una ottimale composizione delle proteine ingerite. Infatti, i cereali hanno una composizione amminoacidica complementare rispetto ai ceci, o ai legumi in generale, essendo poveri in lisina ma ricchi di amminoacidi solforati e triptofano.

L’elevato contenuto in fibre li rende alimenti sazianti, aiuta a favorire la peristalsi intestinale e allo stesso tempo contribuisce a mantenere equilibrati i livelli di glucosio nel sangue quindi un ottimo coadiuvante nelle diete dimagranti e nei regimi alimentari ipocalorici. Le fibre infatti rallentando l’assorbimento dei glucidi, inducono una ridotta secrezione dell’insulina. Ricchi di saponine, hanno un effetto anticolesterolemico e sono indicati nelle malattie coronariche da ipercolesterolemia.

cece nero afuocolento 02
Linea di cece in avanzato stadio di selezione

I ceci contengono anche piccole quantità di acidi grassi polinsaturi, meglio conosciuti con il nome di Omega 3, che sono indispensabili per il corretto funzionamento dell’organismo, e in particolare per la protezione del sistema circolatorio e per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

I ceci, e in particolare i ceci neri, richiedono un tempo di preparazione abbastanza lungo che va dalle 12 alle 18 ore per quanto riguarda il periodo di ammollo e una cottura di circa due ore. L’ammollo è necessario non solo per una cottura più rapida, ma soprattutto perché avvengano quei processi in grado di incrementare il valore nutritivo dei legumi poiché l’ammollo consente l’eliminazione dell’acido fitico, una sostanza “antinutrizionale” che limita l’assorbimento dei sali minerali. Potassio, calcio, magnesio e ferro sono i minerali più abbondanti; il cece nero è particolarmente ricco di ferro tanto che già nell’Ottocento era consigliato alle donne gravide. E’ preferibile non utilizzare l’acqua dell’ammollo per la cottura.

Sul fronte della vitamine rilevante è la presenza della vitamine B1, B2, B3, B5, B6, folati, vitamina C, K purchase discount medication! dapoxetine tablet price india . online drugstore, viagra dapoxetine online . ed in ultimo la vitamina E.

Il gusto tendenzialmente dolce dei ceci neri – a causa dell’alto contenuto in carboidrati – richiede vini freschi ed effervescenti, pertanto vini bianchi, rosati, spumanti o frizzanti, costituiscono generalmente una buona scelta. L’alto contenuto in proteine, generalmente responsabili di una salivazione più o meno accentuata in bocca, richiede un vino con un buon grado alcolico, pertanto anche i vini rossi con un modesto contenuto di tannini risultano particolarmente adatti all’abbinamento con i ceci neri. Non è da sottovalutare nemmeno la variabile dell’abbinamento del cece nero con il vino primitivo che può senza dubbio risultare abbastanza armonico.

Dott.ssa Marta D’Ambrosio

Previous Il falso made in Italy nel mondo
Next Trofie alla crema di peperoni